Tag Archives balcony

Urtica 14 – alla scoperta delle erbe spontanee commestibili e dei cereali antichi tra le colline del Roero

by

So che ultimamente sto cucinando poco e sto andando molto in giro, ma è quello che la Primavera risveglia in noi giusto? Aprirsi, camminare, viaggiare coi primi tiepidi giorni di aprile e scoprire cose nuove..

Per questo vi consiglio un ulteriore weekend all’aria aperta stavolta in piena Langa, un evento dedicato alle piante spontanee e alla natura, inoltre potrete cogliere l’occasione di essere in un territorio meraviglioso per  darvi alle degustazioni vinicole e culinarie della zona…  🙂

Urtica 2014 è ad Alba dal 30 maggio al primo giugno, dove in tre giorni ricchi di eventi gastronomici e informativi, musica e passeggiate potrete approfondire la vostra conoscenza delle erbe spontanee e di cereali antichi, dimenticati e riportati a nuova vita da mani appassionate.

Personalmente da quando mi interesso di giardinaggio sono sempre attenta a scoprire nuove piantine commestibili da infilare nei miei piatti, per cambiare gusto e provare sapori differenti. Le erbe spontanee i hanno sempre incuriosito per due motivi principali: un po’ perche’ se ne stanno li’ nel bosco e nei campi per conto loro, a vivere una tranquilla esistenza bucolica, un po’ perche’ il saperle riconoscere ed utilizzare è tesoro di sapere tramandato dalle antiche generazioni che ancora vivono in campagna e continuano a usarle.

I piu’ conosceranno i bruscandoli o luppolo selvatico dal sapore amaro, l’ortica che di solito si accompagna ai risotti ma si puo’ gustare anche lessa o per ripieni di tasche di vitello, mentre ormai il tarassaco (o dente di cane, pissalet, piscialetto) specie in questo periodo lo si puo’ trovare anche nei supermercati.
Alcune di queste erbe hanno effetti benefici sull’organismo, come il suddetto pissalet, che suggerisce un’azione diuretica 🙂

Quelle che conosco sono la borragine, compagna di tanta pasta ripiena ligure e facilmente coltivabile pure sul balcone in vasetti e balconette (ci sono riuscita l’anno scorso), l’acetosella che assomiglia al trifoglio e si usa in insalata per dare una sorta di sapore di aceto come condimento, e la piantaggine in tutte le sue specie (lanceolata, maggiore, ..) perche’ e’ la classica erba che mi trovo a spiegare ai ragazzi al campo scout, che cresce dove c’e’ umido e si riconosce facilmente dalle foglie che assomigliano alle orecchie dei conigli. La piantaggine è nota fin dall’antichita’ per le sue proprieta’ curative, principalmente per l’azione cicatrizzante e poi anche per l’uso contro le infiammazioni. Si usa anche lei in insalata.

Vi ho incuriosito?

URTICA 2014 AD ALBA
FESTA DELL’UOMO E DELLE PIANTE SPONTANEE COMMESTIBILI.
alla scoperta del mondo vegetale selvatico tra le colline del Roero

30 maggio – 1 giugno 2014

presso Casa Scaparone
Strada Scaparoni 45 ad Alba (Cn).
Per maggiori informazioni: www.casascaparone.it e www.cerealiantichi.it

Fiori di Borragine

Piantaggine maggiore e Tarassaco

Piantaggine lanceolata

Ortica

Giardini nel Tempo – Fiori e piante a Cesano Boscone 5-6 aprile 2014

by

Un breve appunto per informarvi che se siete in zona Milano questo weekend, a Cesano Boscone c’è la manifestazione “Giardini nel Tempo”, un’ottima occasione per farsi un giro all’aria aperta e procurarsi piantine per il balcone e il giardino 🙂

L’anno scorso infatti ho raccolto un ricco bottino di piante giapponesi mangerecce tra cui la famosa perilla o shiso (basilico giapponese di cui tutti chiedono e nessuno sa mai dove procurarselo! basta coltivarlo sul balcone, e’ facile e richiede solo un po’ d’acqua e di sole) e un alberello baby di limoni rossi che campeggia ora sul balcone dei miei (ha svernato al caldo, tra poco se ne torna a casa sua :D)

Quest’anno ho intenzione di procurarmi nuovamente lo shiso nelle due varianti verde e rossa, lo zenzero myoga (i cui germogli possono essere usati per sottaceti e tsukemono), il mitsuba (prezzemolo giapponese) e una pianta di “spinacio fragola” un tipo di spinacio decorativo piu’ che altro anche se commestibile, che produce delle bacche rosse appunto che assomigliano alle fragole.
Mi piacerebbe anche un altro alberello di agrumi, vedro’ che qualità trovero’ 🙂

Mi sarebbe piaciuto prendere anche lo Yam o yamaimo, patata giapponese per diversi utilizzi in cucina (okonomiyaki) e il wasabi da piantare ma purtroppo per le patate serve un orto e non bastano i vasi del balcone… e il Wasabi ha bisogno di terreno fangoso vicino ad acqua corrente come quella di un fosso… 

Per gli amanti delle erbe piu’ tradizionali, non temete ci sono anche quelle! E anche moltissimi cespugli e fiori.
Io vi consiglio di esplorare le aromatiche, penso di procurarmi anche la menta profumata al cioccolato e alla mela… d’altronde in tempi di dieta.. 😀

Tra i vari espositori vi segnalo i miei fornitori rispettivamente delle erbe giapponesi e degli agrumi sopra citati.. I vivai Belfiore sono un posto bellissimo da visitare se vi capita di passare dalle parti di Firenze, ci sono stata durante la fiera Horti e Orti e nonostante il tempo molto piovoso ci è piaciuto e rimasto impresso 🙂

AZ. Agr. La Margherita 
Via Bassanella,1
46040 Gazoldo Degli Ippoliti – MN
Tel. 0365657209 cell. 3385723860
www.aalamargherita.eu
[email protected]
Piante aromatiche tradizionali ed insolite,
piante commestibili, ortaggi perenni

Oscar Tintori Vivai

Via Tiro a Segno 55
51012 Pescia (PISTOIA)
Tel.0572 429191 – Fax 0572 429605
[email protected] www.oscartintori.it
Collezione Agrumi ornamentali, concime e terriccio
per agrumi, marmellate e miele agli agrumi,
pubblicazioni sugli agrumi – olivi

Vivai Belfiore Az. Agricola 
Via Di Valle, Loc. S. Ilario Casella Postale 91
50055 Lastra a Signa FI
tel.0558724166 cell.3475900868
[email protected] www.vivaibelfiore.it 
ricerca, recupero e produzione di piante da frutto
antiche e storiche.
Grandi collezioni di susine antiche europee, uva da
tavola, fichi e ciliegie acide.
Materiale didattico e pubblicazioni
sull’argomento.

Ci vediamo a Giardini nel Tempo!

Giardini Sandro Pertini
Via Roma, 40
20090 Cesano Boscone MI

http://www.giardinineltempo.it/
facebook page : https://www.facebook.com/giardininel.tempo

Orari:
sabato 10,00 – 19,30
domenica 9,00 – 19,30

info 3290597304

ingresso gratuito
 
 

Earth day my way

by

E’ il giorno della Terra oggi.
A cosa serve un giorno della Terra?

Per me serve a ricordarci che in questa Terra ci viviamo e che se continuiamo a trattarla come una discarica finiremo anche noi per vivere nella spazzatura.

Serve a ricordare che contrariamente a quanto ci hanno insegnato a scuola, il ciclo dell’acqua non e’ infinito e soprattutto l’acqua non e’ qualcosa che continuerà a scendere dal rubinetto come ora se non ci impegniamo a non sprecarla. Oltretutto siamo fortunati ad avere l’acqua corrente quando ci sono interi paesi che sono costretti a bere acqua contaminata perche’ e’ l’unica acqua disponibile.
Questo giorno serve anche a ricordare che la Terra ci nutre e ci protegge, che le zucchine non nascono nelle vaschette al supermercato e che prendere consapevolezza di queste cose è necessario e non può piu’ essere ignorato per il resto dell’anno.

Dal mio canto ho sempre avuto un rapporto particolare con la natura: da scout ho imparato ad amarla e rispettarla, a conviverci e a volte anche a temerla.
Come ben avete letto, pero’ non ho mai avuto il pollice verde, almeno fino a che non mi ci sono applicata con coerenza e attenzione e questi ultimi tre anni di coltivazione di piantine sul balcone mi hanno insegnato che con l’amore e l’attenzione anche un pollice avvelenato come il mio può ottenere risultati sorprendenti.

Il mio giorno della Terra oggi è una cronistoria del mio percorso come “ortaiola balconifera”, per ricordarmi da dove sono partita e dove sto andando, sperando di darvi un punto di vista ricco di spunti per avviare anche solo un barattolino di yoghurt con dentro due piantine di piselli, per insegnare ai vostri piccoli che il cibo è qualcosa che cresce e per ottenerlo bisogna prendersene cura. 🙂

Sono partita così come si parte da ignari giardinieri: basilico e erbe aromatiche, facilissimo prendersene cura. Per noi italiani è quasi naturale averne sul balcone o sul predellino della finestra della cucina, le erbe aromatiche fanno parte del nostro retaggio culturale e culinario, il clima mite del nostro paese inoltre facilita la prosperita’ di queste piantine anche se posizionate all’esterno. Provate invece a tirare su del basilico in una casa inglese o nordica, ovviamente ci saranno parecchi problemi in piu’, tra cui il clima tendenzialmente freddo e piovoso…

Ecco un primo raccolto di aromatiche con qualche peperoncino, i primi che sono spuntati dalla piantina comprata in vivaio:

Anche solo tenere delle aromatiche e’ un primo passo, ma quando ho deciso di fare il salto avevo una pastinaca che stava mettendo radici nel frigorifero andando a ramengo, quindi l’ho piantata in un vaso che avevo:

Entusiasta della prosperita’ sono passata a piantare qualche altro ortaggio:

Quell’anno hanno avuto fortuna solo piselli, fave, insalata mista e qualche spinacio. D’altronde era la mia prima prova e non ero molto sgamata…. Pero’ anche solo i legumi e l’insalata sono stati una grande soddisfazione!
Era gia’ tanto che non si fossero suicidati come il resto delle piantine… Anche se diedero solo pochi frutti, gia’ le piantine in se’ erano un successo per me. Eccoli i piselli e fave di cui sopra:

Tra le altre cose nella vasca grande insieme al gelsomino, era nata una piantina di ibisco spontanea, i cui semi erano stati forse portati da qualche uccello. Mi ha sorpreso in tarda estate con questo spettacolo meraviglioso:

Bella no? 🙂
La primavera successiva, presa dall’impeto di ortaiola, ho comprato molti semi e molti vasi, con l’entusiasmo di chi comincia e vuole provare tutto. Ma davvero TUTTO.
Cominciai col piantare e seminare:

Si, lo so. Ho seminato come se avessi un campo da 100 acri. 😀
Pero’
non mi lamento, ho avuto un balcone verdissimo e l’invidia dei vicini per tutta la primavera e l’estate!
Ecco come si presentava in aprile/maggio:


Un tripudio di verde, mi occupava quasi tutto il balcone e ogni sera impiegavo dalla mezzora all’oretta per prendermene cura, ma veramente era una vista incantevole e profumava di primavera e roba buona 🙂
Insalate, erbe aromatiche, fragole… ho perfino costruito una struttura in cannette di bambu’ e corda per far crescere le taccole mangiatutto!

Questa è una pianta di zucchina pattypan, come quelle che si piantano in Farmville 😀

Non ho dimenticato nemmeno i fiori, ecco qui. In autunno ho piantato bulbi di giacinti e tulipani, in primavera convolvoli, tageti e dei meravigliosi nasturzi che hanno decorato il mio balconorto con una cascata di foglie (edibili!!) e fiori colorati.

Non dimentichiamoci che anche i nostri ortaggi fanno dei fiori a volte anche molto scenografici, come quelli di zucca e zucchina

Il fatto di crescersi i propri ortaggi ha inoltre il provvido vantaggio che se abbiamo inclinazioni particolari alle cucine straniere, come la mia pazza e indiscutibile passione per quella giapponese, ci permette di avere certi ingredienti freschi che altrimenti faremmo PARECCHIA fatica a reperire anche in un centro metropolitano come Milano.
L’anno scorso ho coltivato con successo mizuna, mitsuba e la mia fantastica e favolosa perilla (Shiso) nelle due versioni aojiso e akajiso (verde e rossa), indispensabili per molti piatti giapponesi, compresi i sottaceti, il the di perilla e altro ancora.

Il mio balconorto a un certo punto ha cominciato a ripagarmi delle fatiche…

il risultato è stata una scarsa produzione ma soddisfacente per essere un balconcino, e soprattutto per essere il mio primo raccolto!






E quest’anno?

Quest’anno ho imparato dagli errori dell’anno scorso, quindi ho piantato molto piu’ aglio, cinque piantine provenienti dalla buonissima (ed enorme!) testa d’aglio rosa di Lautrec preso quest’estate durante la vacanza in Francia:

Gli ho lasciato molto spazio intorno, forse troppo, ma siccome la testa d’aglio “madre” era grossa non ho voluto correre rischi…. Sta performando bene a quanto sembra!
Ecco invece l’aglio raccolto la scorsa estate:

Poi ho ripiantumato la Perilla ovviamente, come potrei stare senza??

Purtroppo data la scarsita’ di bel tempo i miei germogli sono ancora indietro… comunque ecco qui le prime piante di zucca e zucchine

Quelle in alto sono le crookneck e queste appena in basso sono le Baby Boo. Non le terro’ tutte: solo un paio di piantine resteranno qui con me, il resto verrà donato a orti di amici in cui potranno crescere felici, hanno bisogno di molto spazio e io non ce l’ho 🙁
Pomodori pochi quest’anno, piu’ che altro ho piantato una qualita’ che dicono vada bene per le piante in vaso: il “tiny tim”, dicono resti basso e faccia il cespuglio, staremo a vedere cosa esce 😀
Un paio di settimane fa sono invece capitata alla manifestazione “Giardini nel Tempo” a Cesano Boscone e mi sono fatta tentare dalle mille piantine aromatiche…. ecco qui un riassunto di quello che mi sono portata a casa: Issopo, Rauram (o coriandolo thai), Menta sclarea (o dalle foglie enormi!), Mentuccia... Potete vedere anche il primo timido tulipano della stagione….

Oltre alle aromatiche ho fatto una pazzia, tentata da questi alberelli in bella vista (questo e’ un cedro enorme!)

Mi sono portata a casa una piantina di limone rosso, qui sotto raffigurato. Infatti e’ proprio un limone e non un arancio come potrebbe sembrare, e’ una qualita’ rara e spero di non farla morire…

E’ rassicurante avere un alberello sul balcone… Avrei voluto un miniciliegio ma ho pensato che purtroppo non sarebbe vissuto bene in poco spazio, era una cattiveria farlo soffrire….
Ma i ciliegi davanti a casa mia mi hanno comunque tirato su di morale fiorendo in questi giorni e regalandomi ogni mattina il mio mini hanami personale prima di andare in ufficio! 😀

Vi terrò aggiornati sul mio piccolo pezzo di verde non preccupatevi 🙂
Potete trovare tutti i miei post relativi all’ortobalcone e alla natura in genere a questo link.

Come nota finale vi piazzo una bella foto di un animaletto che andro’ a trovare nei prossimi giorni al Parco Natura Viva in provincia di Verona, un bellissimo morbidoso panda rosso che non vedo l’ora di fotografare!

Potete anche andare a visitare uno zoo come questo come gesto d’affetto nei confronti della natura, per renderci piu’ consapevoli di cosa sta pian piano sparendo dalla nostra Terra (sigh!) e per aiutarla a conservare intatta la vita in tutte le sue forme: visitando il parco infatti aiuterete lo sviluppo dei progetti bioconservativi sulle specie in via d’estinzione, date un’occhiata ai progetti in corso qui!