Semolino col gruviera che invece è Emmenthaler #noiCHEESEamo

Sullo stesso argomento

Kuri Gohan – Riso Giapponese alle castagne

L'autunno ci porta il freschetto e le giornate limpide di sole, tazze di profumato tè e pomeriggi domenicali a leggere libri sotto la copertina...

Sweety of Milano 2016 – la più grande pasticceria del mondo!

A Milano, per due giorni, torna la più grande pasticceria del mondo. Da Nord a Sud i migliori pasticceri d'Italia con i loro prodotti e...

Brotgewürz – Pane aromatico tirolese al cumino, finocchio e coriandolo

Continua la contaminazione austriaca, d'altronde andare in vacanza serve anche a scoprire gusti nuovi e portare a casa ricordi e profumi. Succede che quando sono...

Estate: prosciutto e.. pesche

Fa caldo e io non lo sopporto. La mia reazione all'estate è smettere di cucinare e nutrirmi con cibo che non debba essere scaldato/cotto/arrostito o...
Chiara Bettaglio
Ama il Giappone in tutte le sue forme, quando non programma siti web, cucina, legge e cuce cosplay. Parla del Giappone anche mentre dorme.

Ecco col terzo anno di concorso a base di formaggi svizzeri Emmenthaler e Gruyère DOP in collaborazione con Teresa di Peperoni e Patate, e dopo lo street food dell’anno scorso, il tema di quest’anno mi ha letteralmente gettato nell’infanzia di prepotenza e devo dire è stato commovente e piacevole 🙂

Il cibo del mio cuore.

Per me è imprescindibile, il cibo del mio cuore è legato alla mia famiglia, alle tradizioni e al periodo in cui ero piccola, prima di cimentarmi ai fornelli da sola.
E’ il cibo che mi viene naturale mangiare, il mio comfort food e vista la storia un po’ travagliata della nostra famiglia è anche un’ancora salda a cui aggrapparsi quando c’e’ un po’ di maretta nella vita.

Per questo ho chiesto a mia madre di testimoniare in prima persona la natura della prima ricetta che presento per il concorso, sebbene sia semplice e di facilissima esecuzione, per me e per il mio cuore ha un valore inestimabile, ed ora capite perchè:

La mia mamma 🙂

Effettivamente non faccio fatica a immaginarmi con il cucchiaio in mano a pretendere più pappa buona XD
Questa storia l’avrò sentita almeno 300 volte, viene raccontata ogni
volta che le viene chiesto di me e del mio rapporto col cibo, oppure
ogni volta che si parla del gruviera.
Appunto, il gruviera.
Come ho gia’ spiegato qui a casa mia si è sempre chiamato gruviera o groviera il formaggio svizzero coi buchi che invece risponde al nome di Emmenthaler DOP.

Quindi ora che sapete la storia, per favore trattate bene questa ricetta, che fa davvero parte del mio cuore 🙂

Semolino all’Emmenthaler DOP

250 gr di semola fine di grano duro
80 gr di Emmenthaler DOP
500 ml di brodo di manzo o di verdure filtrato (fatto fresco! niente dado o brodo pronto!)
un pizzico di sale

Scaldate il brodo in un pentolino a fiamma media e quando bollirà versate a pioggia la semola un po’ alla volta, mescolando con una frusta. Continuate a rimestare per 3-4 minuti e assaggiate. Nel caso aggiungete un pizzico di sale ma non di più perchè il formaggio è molto saporito.
Quando il composto avrà assunto la consistenza di una polenta poco densa ma non acquosa, spegnete il fuoco e aggiungete l’Emmenthaler DOP grattuggiato mescolando con un cucchiaio di legno.
Servite ben caldo in modo che ogni boccone sia filante!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Altre idee

Scegliere le forbici da sarta

Se dovessi avere soldi per comprare solo una cosa per il mio hobby, comprerei un buon paio di forbici da sarta. Non...

Riprendere a cucire, dopo una lunga pausa

Ero piena di bei progetti, fili, tessuti, cartamodelli. Ed entusiasmo, tanto entusiasmo. Compravo e progettavo, con chissà quali pretese, vestiti e oggettini,...

Brownies al triplo cioccolato con Nocciolata e noci

So che solo a leggere il titolo della ricetta vi sarà venuto un attacco di diabete. 🙂 Ebbene questo è un concentrato di cioccolato che...

Il mio menu di Pasqua con Angelo Parodi

Anche quest'anno ho partecipato all'iniziativa "Blogger del mese" di Angelo Parodi, con un menu interamente dedicato alla Pasqua. Dagli antipasti all'insalata per la gita di...

Pane rustico alle noci e miele

L'autunno è arrivato, portandosi dietro un manto rosso fiammante e giallo oro sui viali con cumoli di foglie scrocchiarelle sotto i piedi. Il freschetto...

Altro che potrebbe interessarti