lunedì 28 maggio 2012

Zucca Crookneck


Ed il premio del primo fiore di zucca del mio orto balcone va... alla zucca Croockneck!!
Ebbene si, nonostante sia partita in ritardo, con le foglioline un po' accartocciate, nonostante la zucchina gialla golden abbia gia' buttato fuori piccoli zucchinotti gialli.... il primo fiore di zucca e' arrivato su questa varieta' che non vedo l'ora di assaggiare :)

Eccola qui come sara' la mia zucchetta una volta raggiunti i 15 cm, è un frutto a collo d'oca e buccia gialla, che assomiglia ad uno zucchinone rigonfio lungo circa una quindicina di cm. La foto e' tratta da wikipedia:



Ho cercato un po' di nozioni su questo ortaggio che non ho mai visto sui nostri scaffali nostrani, e ho trovato bellissime foto ed invitanti raccolti in vaso di queste piante che hanno bisogno di sole e terreno drenato.
Ci sono anche foto impressionanti di piante in vaso cariche di fiori e frutti, come questa: Project Noah.

Ecco la cronistoria fotografica della mia zucchina crookneck.
Vediamo quale pianta sara' la vincitrice del premio Prima Zucchina dell'ortobalcone Apest :D


Appena germogliata


I primi frutti e fiori in pole position!


mercoledì 23 maggio 2012

Minestrone primaverile


Momentaneamente senza reflex mi tocca ripiegare sulla compattina ma mi pare il risultato sia comunque gustoso alla vista no?
Di ritorno dal Jamie Oliver Food Revolution Day di sabato, con tanta verdura fresca in frigo e col freddo di questi ultimi due giorni (siamo tornati in pieno inverno??) ho pensato che qualcosa di caldo potesse far bene al corpo e allo spirito :) 
Questo minestrone primaverile si gusta bene anche freddo ed e' un ottimo svuota frigo, si ricicla tutto lo scovazzume di frigo, non si spreca niente ed e' pure tanto salutare :) 

In fondo al post trovate il raccolto di oggi dall'orto balcone, di cui scrivero' presto. Oggi insalata e mizuna (che e' poi finito nel minestrone). Son soddisfazioni!! :D

Dunque, per due persone io ci ho messo: 

una manciata di fave sgranate
una manciata di piselli freschi
un cipollotto
un porro
una zucchina verde scuro
una carota
una manciata di prezzemolo
una manciata di spinaci novelli
una manciata di bietoline da taglio
una manciata di insalata cicorino dal balcone
una manciata di mizuna sempre dal balcone

50gr di ditalini rigati procapite
scaglie di ricotta salata

Ho fatto tutto a pezzi e ho messo a cuocere per venti-trenta minuti in poca acqua aggiungendo solo un po' di sale alla fine. 
Se piace aggiungete 50 gr a testa di ditalini rigati e impiattate il minestrone al dente facendolo intiepidire. Aggiungete in cima le scaglie di ricotta salata. 
Jamie ci mette anche un cucchiaio di pesto fresco.... provero' domani magari.

A me di solito il minestrone piace frullato, questo e' ottimo come passato di verdura freddo ;)  
Buon appetito!


venerdì 18 maggio 2012

Viva l'Agri Schiscetta!


Come dice il cartello, per un pasto sano, equilibrato e in filiera corta!
 
VI ASPETTO DOMANI alle 16.30 alla CASCINA CUCCAGNA!! :D

giovedì 17 maggio 2012

W la Schiscetta! W la Food Revolución!


E' ora ragazzi!
E' arrivato il mio turno di fare qualcosa per la Rivoluzione del Cibo di Jamie Oliver.

Vi aspetto questo sabato alle 16.30 alla Cascina Cuccagna, in via Muratori a Milano, per parlarvi di come liberarci dalla schiavitù delle macchinette snack e capire come cucinarci un pranzo degno di noi, buono sano e soprattutto in fretta! Perche' non è che abbiamo tutta la mattina per cucinare prima di andare al lavoro no? :)

Inoltre è un modo di passare un pomeriggio all'aperto insieme nella cornice di una vera cascina in città che vi sorprenderà.

Ringrazio gli amici di Coldiretti e Bottega Amica, che durante l'evento presenteranno una gustosa innovazione del cibo pensata insieme per facilitarvi il compito mattutino cuciniero.

Occorre iscriversi, ma e' gratuito, ecco il link qui: Food Revolution Day
Ringrazio Francesco Iandola, il coordinatore degli eventi Food Revolution a Milano.

Vi aspetto numerosi, ci sarà anche un assaggio!! :)

mercoledì 16 maggio 2012

Dall'orto....

 

Sciao sono una zucchina gialla piccina.
Sciao anche io sono una zucchinina.
Ehi voi due poco casino!
Io sono un fiore di zucchina. Finiro' ripieno.

giovedì 10 maggio 2012

Food Revolution Day - Insalatina di pollo arrosto e fragole


Ovvero come Jamie Oliver continua a insinuarsi nella mia vita a parte il comprare spasmodicamente i suoi libri, i suoi magazine, mangiare nei suoi ristoranti e comprare i suoi gadget da cucina, compresi i tovaglioli!
C'e' poco da fare, nonostante il mio-nostro idolo si sia inquartato di brutto ultimanente, inconveniente che ai cuochi capita molto spesso e che a mio parere ha un che di rassicurante sulla qualita' del cuoco stesso :D, non c'e' Gordon Ramsey che tenga e riesca a spodestarlo dal mio personalissimo podio  Best Foreigner TV Chef.

Potevo tirarmi indietro dunque di fronte alla Rivoluzione del Cibo che spopola in tv ed ora arriva nelle nostre citta'?

La risposta è scontata :D
Grazie a Labna che promuove un contest al quale non posso non partecipare. 
Quindi ora beccatevi la ricettina per il Food Revolution Day e liberatevi da qualsiasi impegno il 19 maggio: preparatevi perche' vi ho riservato una sorpresa di cui vi parlero' lunedi' :D


Come commento a questa favolosa iniziativa posso solo dire di essere orgogliosa di aver cominciato l'anno scorso il mio orto sul balcone e di vedere tantissimi amici e conoscenti che stanno seguendo il mio percorso.
Non credo e non ci ho mai creduto di poter essere completamente autonoma nel produrmi la verdura in casa sul balcone, ma se posso almeno ricavarne una parte, fosse anche solo insalata, allora si che penso di aver fatto la differenza nel mio piccolo: non solo km 0 ma metri 3 fino al lavello della cucina :D

Devo dire che gia' penso di appartenere ad un popolo piu' alimentariamente educato rispetto a quello inglese, dove la dieta mediterranea, l'uso dell'olio d'oliva al posto del burro e la grande quantita' di verdure fresche presenti nelle nostre abitudini fanno di noi italiani gente fortunata e sana di base, quindi si tratta piu' che altro di promuovere un consumo piu' consapevole del cibo, informandosi sulla provenienza e cercando di ridurre al minimo la roba chimica (additivi, concimi, anticrittogamici) e cercando di fare in modo di comprare produzioni locali con tantissimi vantaggi, come la freschezza, la CO2 risparmiata nel trasporto, lo sviluppo economico della propria comunita' locale.

Su questa insalatina vi dico che e' prodotta quasi a km 0, nel senso che il pollo proviene gentilmente da amici che hanno questo allevamento di polli a Casatenovo, che curano con amore e impegno, www.pollichepassione.it. Quindi Muggio' - Casatenovo circa 16 km.
Le fragole arrivano invece dalla Cooperativa Lunanuova che tutti i sabato mattina potete trovare presso il Centro Giardinaggio San Fruttuoso a Cinisello Balsamo, con le sue cassette di verdura e frutta prodotte nei dintorni di Triuggio. Muggio' - Triuggio 12 km circa.
Lo yogurt proviene dal Caseificio La Murgia a Muggiò, dove vado a comprare mozzarelle e quant'altro prodotto da loro in bicicletta :D
Il resto degli ingredienti proviene dal mio terrazzo, di cui su facebook avete visto fotografie dell'incredibile crescita dell'insalata.... in questo caso ho tagliato 1 minuti prima di comporre il piatto il misto di radicchi da taglio della Blumen che avevo seminato nel vaso tondo da 30cm; mi piace molto il fatto che ci sia dell'amarognolo in questa insalata dolce :)

Mi sono portata il piatto in balcone e mi sono pappata la mia insalatina al fresco con una leggera brezza tra i tageti profumati,  il verde dei piselli e delle foglie di zucchina.

Insomma con questi ingredienti mi sento davvero Jamie's style



Visualizza KM 0 in una mappa di dimensioni maggiori


per 4 persone

ingredienti:
1 pollo ruspante o avanzi di pollo arrosto
250gr di fragole mature e saporite
5-6 "manate" di insalata mista con radicchio oppure amarognola
un vasetto di yogurt intero 
un paio di limoncini ancora verdi o due lime
erba cipollina
fiori di lavanda secchi commestibili (dal vostro balcone o in erboristeria, non usate quelli per profumare i potpourri!)
rosmarino con fiori
rametti di timo fiorito
basilico viola per decorare
sale, pepe, olio extravergine d'oliva

Fate marinare il pollo in una scodella per una mezzoretta con il succo di un lime e due cucchiai di olio, sale e pepe. Aggiungete alla marinatura anche un trito di rosmarino, fiori di rosmarino e fiori di lavanda.
Infornate il pollo in una teglia con la sua marinata per un'ora a 190°, poi lasciate raffreddare completamente.
Ricavate dal pollo freddo delle striscioline e ritagli, se vi piace la pelle potete anche includere la parte croccante. 
In alternativa potete riciclare dei ritagli di pollo da uno spiedo precedente, anche se non sara' cosi' profumato :D
Preparate la salsa aggiungendo allo yogurt il succo dell'altro limoncino o lime, la scorza grattuggiata dello stesso e l'erba cipollina tagliuzzata con le forbici. Recuperate anche i succhi dalla teglia di cottura del pollo se ne sono avanzati.
Lavate l'insalatina e asciugatela bene, conditela in una terrina con un goccio di olio e sale.
Tagliate le fragole a fettine sottili.
Componete l'insalata mettendo una manata di insalata sul piatto, il pollo, le fettine di fragola e irrorando con la salsa allo yogurt.
Terminate con le foglie di basilico viola, ulteriore erba cipollina e i fiori di timo in cima alla vostra piramide.


giovedì 3 maggio 2012

Torta salata feta e cipolla caramellata


Oggi apro con la versione artistica di una foto che ho fatto in fretta e furia e con poca luce durante una cena per documentare la torta di cui in oggetto, che poi ho riproposto anche in ufficio e in altri ambiti, sempre molto apprezzata!
Diciamo che la prima versione era nata come riutilizzo dello scovazzume di frigo, come la maggior parte delle mie torte salate ... in fondo basta avere un guscio che contenga del ripieno, e nel ripieno ci piazzi quello che piu' ti piace. :D
Avevo della feta decisamente stagionata, al limite della scadenza... quintali di cipolle generosamente offerte da una signora con l'orto che stava appunto cercando di sbolognarle a chiunque pur di disfarsene, e poi la scoperta dal fondo del frigo oh no! avevo comprato un altro pacco di pomodorini non pensando che c'era gia' dalla settimana scorsa una confezionenascosta nel cassetto verdura che si nascondeva sotto al fascio di prezzemolo.

Io sono per il ripieno a base di ricotta in ogni caso, ci sono alcune ricette che indicano uova al posto del formaggio. Non mi piacciono, mi sembra sempre di servire una frittata in crosta. L'unica eccezione che faccio e' la base quiche lorraine che ha anche latte o panna quindi viene meno "frittatosa". Panico, non ho la ricotta.
Guardo la feta con occhio a mezz'asta e poi dico: tanto se non la faccio finisce che va a male, buttiamoci.
Ebbene signore e signori è stata un successone.


Nella vita buttarsi premia. :)


Quindi a grande richiesta ecco la ricetta.

Ingredienti: 
2 confezioni di feta confezionata  o 400 gr feta fresca
2 cipolle bionde grandi
2 cucchiai di zucchero muscovado
una confezione di pasta brisée rotonda
una ventina di pomodorini tondi o datterini
sale
pepe
olio di oliva
buccia grattuggiata di mezzo limone
un tuorlo

Sbriciolate la feta con le dita in un recipiente e conditela con un goccio di olio, sale e pepe. Aggiungete la scorza di limone grattuggiata e mettete in frigo una decina di minuti.
Intanto con una mandolina affettate le cipolle e mettetele ad appassire in una padella con un cucchiaino d'olio. Non appena cominceranno a sfrigolare aggiungete lo zucchero ed un paio di cucchiai d'acqua in modo che le cipolle cuociano a fuoco lento per circa 10 minuti in questo liquido. Se dovessero asciugarsi prima di diventare trasparenti aggiungete un cucchiaio di acqua alla volta. Trascorso questo tempo asciugate a fiamma piu' allegra il liquido in eccesso, poi lasciate raffreddare qualche minuto.
In una teglia tonda adagiate la pasta brisée, sul fondo mettete le cipolle scolate dall'eventuale liquido ancora presente, ricoprite con la feta e spennellate la superficie con il tuorlo d'uovo sbattuto con un goccio d'acqua e un pizzichino di sale. Adagiate i pomodorini lavati ed asciugati qua e la' sulla superficie e infornate a 180° per circa 35-40 minuti.

Buon appetito!

Related Posts with Thumbnails