lunedì 29 settembre 2008

Un po' di food, un po' di craft, un po' di design

Lo scorso weekend ho lavorato un sacco. Sia di food sia di crafts.
Venerdì mio fratello ha aperto un negozio-laboratorio di pelletteria (DESMode) e contestualmente il suo studio di Design Industriale (DESing), e io sono scesa giu' a dare una mano per l'inaugurazione visto che era anche il suo compleanno :) Ho preparato e cucinato il buffet, servito per tutta la sera e confezionato a mano anche degli oggetti per la vendita :D

Qui un po' di foto sparse dalla serata, nei prossimi post il food e il craft correlato (cosi' li distinguo in due post separati :) )



Io che faccio la scema sotto la lampada gigante che assomiglia tanto a un casco da parrucchiera :D

La mia mamma che offre dell'ottimo spumante alle clienti intervenute


Le amiche di mio fratello che si prestano a fare i manichini viventi in vetrina. Sembrano davvero finte!! Questa foto mi piace parecchio, i colori sono venuti fuori davvero bene.

Io e la Marianna. Io sono in modalita' catering come si puo' vedere :D
Il grado di stanchezza invece si nota dal nido di quaglie che ho al posto della capigliatura....



Dah! Ripresa mentre fotografavo parte del buffet. La foto che sto facendo la si potra' vedere nel prossimo post relativo al food....



Nella foto di classe il gruppetto che ha resistito fino alle due di notte :D
Il festeggiato, in camicia bordeax, e tutti i suoi amici.

Le foto in bianco e nero sono state fatte da Valentina Vezzali

giovedì 25 settembre 2008

Nel mentre...

So di essere stata un po' assente nell'ultimo mese.
In parte e' dovuto al fatto che di crafts poco o niente ho prodotto se non nell'ultima settimana (e di cui perverranno foto questo weekend) e di food, ancora meno, se non il sostentamento quotidiano. Insomma nulla di interessante, solo tanto lavoro e poco tempo libero. Sono pero' riuscita ad andare al cinema ben 4 volte in due settimane, a vedere nell'ordine: Kungfu Panda (UltraLOL), Hancock (Bellino ma americanata), The Clone Wars (wow, mi ci voleva proprio un po' di StarWars, anche se in animazione grafica. Bello) e ieri sera Burn after reading. Del quale posso dire, i fratelli Coen non deludono mai, nella grottesca tragicità delle vicende umane si ride di gusto. Consigliatissimo. Un grande Brad Pitt. Un George Clooney che ci si rende conto della bravura di interpretare un perdente che cerca di fare lo splendido e nemmeno lo sa solo sulla via del ritorno dal cinema (ho letto questo commento da qualche parte online ma finche' non ho provato di persona ieri sera non capivo di che effettivamente si parlasse).

Sono particolarmente soddisfatta delle fotografie scattate quest'estate. Non so se e' solo *Culo* o c'e' qualche talento molto nascosto ma qua e la' sono riuscita a tirar fuori qualche bella inquadratura e immagine. Di seguito, in rigoroso ordine sparso.











mercoledì 3 settembre 2008

Pelle d'oca alta un centimetro

Di ritorno dalle vacanze e dal campo scout di cui vi parlero' in seguito, un breve post per raccontare di una sera incantata.

Ieri sera sono stata a Bresso al concerto di Giovanni Allevi.
Onestamente, non lo conoscevo fino ad una settimana fa, fino a che il mio amico Riccardo non me ne ha parlato al campo scout. Domenica, riemersa dal sonno profondo, ho cercato di documentarmi e con tutta la fortuna di questo mondo ho notato che due giorni dopo ci sarebbe stato un concerto, l'ultimo del suo tour, a 10 minuti da qui.
E ieri sera e' stato davvero eccezionale.
Un ragazzino timido, quasi intimorito ed emozionato che racconta sottovoce una storia, come scusandosi. Un ragnetto magrolino che si trasforma in un uragano con la bacchetta in mano, a dirigere l'orchestra, che sprigiona energia e luce, a tratti visibile, dai gesti delle braccia e del corpo. Mi sono trovata a pensare come sia diventato per qualche minuto musica stessa, un torrente in piena che fluiva attraverso di lui, e ho compreso le parole che ha pronunciato poco prima del concerto "Quando la Musica viene a trovarmi" con le lacrime agli occhi e la pelle d'oca alta un centimetro.

Stupidamente ho paragonato questa sensazione a quei folli momenti di pura energia che a volte mi capitano ascoltando alcuni pezzi ad alto volume (di solito pedalando in bici mentre torno verso casa) e ho capito, sì, cosa vuol dire essere posseduti dalla musica.
Grazie Giovanni.
Ah e grazie Ric, per la bella scoperta, mi dispiace che te lo sia perso.




Related Posts with Thumbnails