lunedì 30 giugno 2008

Flickr meme

Da Cosy ho rubacchiato questo meme perche' mi piaceva.. non mi piace molto fare meme ma questo era proprio carino. Le risposte sono sulle note nella pagina di flickr.
Sentitevi liberamente taggate/i :))
L'unico a cui proprio lo impongo e' Kaonashi, cosi' almeno scrive qualcosa :D


Il gioco:

a. Scrivi la risposta a ciascuna delle domande nella casella di ricerca di Flickr.
b. Usando solo immagini sulla prima pagina di risultati scegline una.
c. Copia e incolla il link della pagina nel mosaic maker di flickr toys.

Le domande:

1. Come ti chiami?
2. Qual'e' il tuo cibo preferito?
3. Qual'e' il nome della tua scuola superiore?
4. Qual'e' il tuo colore preferito?
5. La star che ti piaceva da giovane?
6. Bevanda preferita?
7. Una vacanza da sogno?
8. Dessert preferito?
9. Cosa volevi fare da grande?
10. Cosa ami di piu' nella vita?
11. Una parola per descriverti.
12. Il tuo nick flickr.

giovedì 26 giugno 2008

C'e' del marcio in Danimarca! Ma non in Svezia!

O almeno se c'e' qualcosa di marcio, te lo cambiano :D

DISCLAIMER: questo e' un post di commento positivo sul servizio clienti Ikea e sull'Ikea in generale. Puoi anche non essere d'accordo con me, so che ci sono frange antiIkea, ma se commenti civilmente e costruttivamente possiamo avere un dialogo. Cancellero' senza pietà e senza rimorso commenti che sparano a zero senza giustificare adeguatamente la lamentela. Vi ho avvertiti :)

Il 2 giugno mi era fatta il famoso giretto all'Ikea di Corsico dove avevo comprato tra le varie cose e stoffe anche due cuscini Gosa Tulpan, quadrati 65x65, ripieni di piume. O meglio, di "piume di uccello acquatico". Onestissimi 9,99 euro. Che figata, li uso come testata del letto intanto che mi viene l'idea geniale per la quale sono da due anni e mezzo senza testata.
Arrivai dunque a casa, e aprendo i cuscini, cacchio, usci' un odore strano. Una puzza. Mah! Devono essere stati chiusi incellofanati stretti nella plastica per cosi' tanto tempo, puzzeranno normalmente, vedrai che domani gli fai prendere un po' d'aria e gli passa.

Il giorno dopo, intossicata dalla puzza di cadavere che emanavano, disperata, ho letto le istruzioni. Occhebbello! Vanno in lavatrice a 60° e pure a secco! adesso li caccio nella mia e vediamo se escono profumati.
Oltretutto non sono i primi cuscini che compro da Ikea, il mio cuscino da testa e' loro, sempre con ste piume di uccello, e non puzza e non ha mai puzzato. Mah...
Alche' caccio con difficolta' devo dire un cuscinone ormai gonfissimo nella mia lavatricetta da 3 chili e mezzo (ok non e' stata un'idea geniale ma lo spazio e' poco e questa ci ho...), metto sui 40° con un po' di sapone liquido delicato e attendo. Dopo un'oretta estraggo con fatica un robo informe dall'oblo' e mi accorgo che:
1) la copertura di cotone bianco e' macchiata qua e la' di roba marrone;
2) il cuscino puzza ancora e pure di piu', ma sa anche di marsiglia il che e' consolante, puzza di cadavere di marsiglia! :D

lo metto ad asciugare in stanza (era il periodo piovoso all'inizio di giugno) con le finestre aperte. Il giorno dopo obnubilata dalla puzza che sembrava aumentare col passare del tempo, sposto il cuscino in una parte remota dell'appartamento per poi chiuderlo qualche giorno dopo in un armadio, tentando di arginare l'odore nauseabondo.
Alche' ho pensato, magari la mia lavatrice non e' riuscita a lavarlo bene perche' e' piccola, provo a portare l'altro cuscino a casa del Bondo che la loro lavatrice e' grande e la mamma e' una casalinga DOC. Sicuramente mi risolvono il problema.
Lascio il cuscino in custodia e torno a dormire sonni tranquilli.
Il giorno dopo situazione ancora peggiore: il cuscino numero 2 e' uscito dalla lavatrice con le piume tutte appallottolate, quasi completamente sporco di marrone, per tacer della puzza!

Ohibo'.

Comincio a realizzare che non sono io allora, ma e' proprio un difetto del cuscino. uhmm....
Controllo sul sito e chattando con un operatore (comodo il servizio! per me che sono sempre attaccata al pc e' meglio che telefonare, che' restare in attesa mi rogna un po' e soprattutto e' a pagamento e dall'ufficio mi scoccia chiamare gli 199) mi dice che posso portaare indietro i cuscini entro 30 giorni con lo scontrino anche nell'altro negozio di Carugate (piu' comodo e vicino a casa mia) che me li cambiano.
Ier sera dunque, approfittando del Bondo acquistante casalinghi, abbiamo fatto un raid.
Al bancone del servizio clienti non hanno fatto una piega, oggettivamente erano ridotti in uno stato pietoso e puzzavano a tre metri di distanza, mi hanno fatto immediatamente un buono da spendere alla cassa. Gia' che c'ero ho chiesto, anzi ho solo detto: "l'anno scorso ho comprato uno dei vostri pensili da cucina ad apertura orizzontale..." mimando il gesto il apertura. Non ho fatto a tempo a finire la frase che mi sono trovata in mano due braccetti ferrari come quelli che mi si sono rotti un paio di mesi fa e che ho pagati a caro prezzo al Leroy Merlin (quasi 13 euro l'uno!). Benissimo! cosi' posso cambiare quelli dell'altro pensile!! Averlo saputo prima mi risparmiavo 25 euro!

I cuscini che ho ricomprato ieri sera non puzzavano per fortuna. Non posso dire nient'altro che bene del servizio clienti, chi e' che per 10 euro di cuscino che e' stato sbattuto in lavatrice piu' volte te lo cambia cosi' senza discussioni, senza nemmeno un ma?

Ho comprato un paio di metri di patricia bianco e nero per fare le fodere, e ho trovato un paio di scampoli :D
Per il resto mi sono innamorata di questo servizio di terraglie giapponesi Dinera Dekal: sono bellissimi!!
Mi immagino gia' a servire riso bianco e ramen ai miei amici, e sushi sul geta :))

Ho trovato anche i bicchieri che avevo comprato tre anni fa, e di cui ne ho perso appunto uno all'anno, e ho buttato un occhio goloso a questo servizio di piatti neri e bianchi (Syntes Konst), che starebbero stupendamente con la mia cucina nera e acciaio....

Insomma.... spendero' un po' di soldi la settimana prossima quando tornero' per la libreria. :D

mercoledì 18 giugno 2008

E' gia' passato un anno... Per fortuna

Esattamente un anno fa a quest'ora mi stavo cagarellando addosso. Stavo frugando blog e siti online alla ricerca delle tracce della maturità, invece di riposare tranquilla, stanchezza che ho poi pagato nei giorni successivi. Colta da un raptus di follia ho perfino scritto questo post, e posso assicurarvi che non ero in preda ai fumi dell'alcol. Forse ero in preda ai fumi della tensione e dell'adrenalina, perche' leggendolo adesso non so se sarei in grado di riscrivere un tale perfetto esercizio di pazzia.
Si, me ne sto compiacendo e sto riflettendo sul fatto che studiare e presentarsi l'anno scorso agli esami di maturita' e' stata la sfida piu' difficile e impegnativa della mia vita. E che le sfide di questo livello ti garantiscono una dose di adrenalina permanente fino a che la sfida non si esaurisce: non e' stata la dose quotidiana di Polase, non sono state le attenzioni da parte degli amici (che non riusciro' mai a ringraziare abbastanza) a tenermi in piedi fino alle 3 di ogni dannata notte; a portare avanti di giorno il mio lavoro e di sera lo studio, dieci anni dopo, di materie di cui non ricordavo nemmeno l'esistenza; della forza di volonta' di non mollare il colpo fino a dopo l'orale. No, e' stata la dose di adrenalina naturale che mi ha sostenuto e tenuto in piedi fino all'ultimo, che mi ha ispirato i 5 minuti di genialità e che mi ha liberato da un vecchio fantasma nell'armadio.

"In piedi Trinity"

Vorrei che ci fosse piu' spesso nella mia vita una scarica di adrenalina cosi'.
Anche se ti lascia a pezzi.

In bocca al lupo Azzu, domani tocca a te :)

venerdì 13 giugno 2008

Libri arrivati!

Un post di servizio corto corto in attesa di tempo per scrivere e per scattare fotografie.
I libri di modellistica sono arrivati! Li sto sfogliando velocemente prima di rimettermi a lavorare e devo chiedermi: "Perche' non li ho comprati prima?!??!!?"
Quello di Winifred Aldrich parte da zero, dal disegno del cartamodello base con le istruzioni per costruirselo passo passo con le proprie misure e gli aggiustamenti per il proprio corpo come l'altezza del punto seno, la lunghezza del torso e cosi' via, e poi una serie infinita di adattamenti, i blocchi base per pantaloni larghi e aderenti, jeans, gonne, abiti di tutti i tipi, giacche, trench, cappotti e perfino abiti per la ginnastica, il tennis e costumi da bagno! Con questo libro si puo' fare qualsiasi capo d'abbigliamento partendo davvero dal foglio bianco! E la grafica e' moderna, piacevole, ad una velocissima lettura anche abbastanza capibile (e' in inglese!).
L'altro invece, di Adele Margolis, è piu' vecchio stile, non parte da zero, presuppone che una abbia gia' la base del cartamodello ma spiega in modo molto chiaro e preciso i passi da fare per modificarlo per ottenere QUALSIASI tipo di modifica: colli, maniche, scollature, TUTTO!
Insomma sono davvero soddisfatta finalmente anche solo con una prima occhiata.
Nel weekend vi so dire meglio!

lunedì 9 giugno 2008

Cosplay: Utawarerumono - Colui per il quale io canto

Eccoci. Finalmente. Li avevo decisi gia' da un po', a dire il vero da piu' di un anno, per portarli a Luccacomics 2007 ma con la maturità ed il lavoro e il campo scout non sarei riuscita a farli in tempo e soprattutto a farli BENE come vorrei. Sono dei costumi impegnativi, molti pezzi, non facili. Dovro' disegnare cartamodelli o adattarne di quelli che ho gia' praticamente per tutti i pezzi, non trovero' nulla da comprare di pronto.. vabe' il divertente e' questo no? :D
Sabato scorso ho fatto spese di tutti i tessuti e me la sono cavata molto bene, in tutto ho speso 50 euro per i tre costumi, per tutte le stoffe ed il nastro giallo. Direi ottimo e conveniente! Dovrei solo mettermici dietro, decidere da cosa cominciare e partire...

Che dire dell'anime? E' una serie che mi e' piaciuta molto, tratta di guerra, di sentimenti e di ribellione al di la' del mezzo narrativo fantastico su cui si racconta.
Resto fedele alla mia convinzione personale che mi porta a cucire cosplay di storie che mi emozionano e mi rapiscono nonostante non siano dei grandissimi successi di pubblico; non mi importa la gloria e la fama, preferisco che qualcuno si domandi quale anime sia piuttosto e mi chieda informazioni, questo e' lo scopo del mio cosplay. :)

Costumista! :P

Non ve l'avevo detto ma qualche settimana fa una mia collega mi aveva chiesto di farle un vestito per un corso di non so cosa in cui impersonavano a turno Argante de "Il malato immaginario". Con un lenzuolo vecchio e un po' di lana per il pon pon ho confezionato alla bell'e meglio qualcosa che potesse ricordare una camicia da notte e il cappuccio e questo e' il risultato del mio primo lavoro commissionato come costumista teatrale :D

Che ne dite?

Ok il cosplay puo' essere considerato una sorta di "costume teatrale" ma io tendo sempre a pensarlo come una attivita' a se'.

A proposito di cosplay, pomeriggio pubblicherò finalmente i disegni preparatori (non miei!!) dei tre costumi che preparero' per il LuccaComics di quest'anno... sono parecchio impegnativi....
Nel weekend ho pure messo mano a un cartamodello di Amy Butler estivo per la prossima vacanza in puglia, devo solo attaccare la cerniera che non avevo in casa, poi fotine!! :D

sabato 7 giugno 2008

La camicina dell'upim...


Eccola. Nera. Leggera. Carina. Piccola. Orcamiseria piccola.
Perche' sul cartellino della Upim mettono taglie fino alla XL se poi non ce le hanno? Erano appena arrivate e la commessa guardandomi con aria di sufficienza "No la XL non l'abbiamo, solo fino alla L".
Ok, le ho detto, mi dia una L. "E' sicura? Non vuole provarla prima?" No grazie, sono sicura. Lo sguardo che mi ha tirato quando le ho detto cosi' e' impagabile :D
Perche' ho comprato una camicia di 10 cm piu' piccola?
Perche' costa 7 euro e 90 e perche'.... voglio allargarla a modo mio. Sto tramando nell'ombra... :D

giovedì 5 giugno 2008

Tira fuori il manuale della macchina da cucire!

Segnalo l'iniziativa di Daniela di Scuoladicucito che mira a raccogliere il maggior numero possibile di manuali di macchine da cucire per aiutare chi ha perso il proprio.
Avanti tirate fuori i vostri!!!

Libri in arrivo...

Non ce l'ho fatta a trattenermi. Lo so, sono una spendacciona.
Ma d'altronde quando entrano un po' di soldini extra, e uno ha delle passioni, perche' non assecondarle? :)

Ho appena ordinato:

Make Your Own Dress Patterns: A Primer in Patternmaking for Those Who Like to Sew
By: Adele P. Margolis
Metric Pattern Cutting for Women's Wear
By: Winifred Aldrich


In tutto 50 euro spedizione compresa da Amazon uk.
Del secondo avevo gia' parlato qui, del primo ho letto entusiastiche recensioni, si tratta fondamentalmente di due libri che spiegano come disegnare i cartamodelli a partire dalle proprie misure in modo che l'abito sia fatto esattamente ad hoc. Il che di questi tempi di chiari di luna (tra il costo dei vestiti e le taglie che non si trovano, per non parlare delle cineserie di cattiva qualita' e provenienza poco chiara) non e' per niente male...
Dovrebbero arrivare la settimana prossima... non vedo l'ora perche' ho parecchia voglia di smanettare su carte e gessetti.... specie perche' sabato sono andata nel mio negozio segretissimo di fiducia e ho trovato tutti i tessuti per il nuovo cosplay!! (che peraltro si prospetta molto laborioso.... costumi giapponesi medievali... ne parlero' presto! :D)

Qualche giorno fa mi e' arrivato anche un altro libro, italiano stavolta, che tratta dello sviluppo scalare della modellistica industriale. In parole povere insegna agli alunni dei bienni come si fa a trasformare un cartamodello per le varie taglie. Ingrandiamoci i cartamodelli!! :D Nel modo giusto pero', cosi' l'abito non perde la linea.... Dicesi:

Processi e metodi della produzione per la moda. Sviluppo scalare dei modelli e tecnologie della modellistica industriale di Aglietti Tatiana

(sorry per la foto, non ne ho trovate di migliori su internet, stasera passo allo scanner la copertina)
Related Posts with Thumbnails