mercoledì 26 settembre 2007

Fascia copriorecchie un po' gothic lolita


copriorecchie
Inserito originariamente da Apest78
Appena finita. Un'oretta di lavoro. Avevo questa lanetta con dei pezzi di tulle intrecciati che era avanzata dal laboratorio della mamma, che ha usato per fare delle borse invernali un paio di stagioni fa.
Dalla scatola dei rimasugli quindi ho riesumato il gomitolino e ci ho fatto al volo questa fascetta copriorecchie che volendo fa pure da "strozzacollo" per ripararsi dai primi freddi autunnali.
Da cosi' non sembra molto, ma vista di faccia sembra quasi una di quelle crestine da Gothic Lolita... un po' rielaborata s'intende. Mah... Quasi quasi me la mettero' per girare per Lucca.... Appropo' manca un mese!!! :D

domenica 23 settembre 2007

Cappellino di compleanno


Un regalino per il mio fratellone, un cappellino di lana merino fatto a mano :D
e' cosi' carino che ne faro' un paio anche per me, poi la merino kind rende un casino, ho usato solo un gomitolo in tutto! 50 gr. di cappellino che tiene caldo caldo. magari lo faccio fuchsia e verde per me che quest'anno va un casino :D

domenica 16 settembre 2007

Nikujaga - Stufato casalingo giapponese

Mi sono rimessa ai fornelli seriamente. Avendoci del tempo a disposizione finalmente.. :D
Questa domenica ho preparato il Nikujaga, il classico stufato della mamma giapponese, corrispondente al nostro spezzatino con patate, insomma quel classico "comfort food" che mi piace trovare a casa quando torno e che mi coccola un po' quando sono giu' di morale.
Il Nikujaga specialmente lo ricordo con affetto nelle vecchie serie animate ma anche in qualche serie nuova, e quando lo cucinano "sa proprio di famiglia" :)).
Il mio collega giapponese mi ha detto che e' uno di quei piatti che se e' cucinato bene ti fanno dire se la cuoca sara' una brava moglie/mamma: questa e' la ricetta che mi ha passato sua moglie.

Per 3 mangioni o per 4 persone normali:
  • 400 gr. spezzatino di manzo
  • 1 cipolla media bionda
  • 2 carote medie
  • 4 patate medie
  • 3 cucchiai salsa di soia
  • 3 cucchiai mirin (o sake' o vino bianco tipo tavernello alla meno peggio..)
  • 3 cucchiai rasi di zucchero di canna
  • 3 cucchiai olio evo, acqua q.b.
Taglio le cipolle a fettine non troppo sottili, e se e' necessario riduco ulteriormente le dimensioni dello spezzatino a bocconcini mangiabili con le bacchette; nel frattempo scaldo l'olio in una pentola antiaderente alta e faccio rosolare carne e cipolle. Nel frattempo sbuccio e taglio le patate a pezzi da 2-3 cm di lato e le carote a meta' rondelle. Quando la carne e' bel rosolata aggiungo il mirin (io uso quello della Mikzan, foto 6) per sfumare, le verdure, la salsa di soia e lo zucchero di canna mescolando bene e coprendo col coperchio per un paio di minuti con la fiamma alta sotto. Poi aggiungo un paio di bicchieri d'acqua bollente e coperchio di nuovo mescolando di tanto in tanto a fiamma medio-bassa per una 30ina di minuti.
A me piace "brodoso" quasi tipo zuppa, con le patate che mantengono la forma (percui uso quelle che vanno bene per bollirle) ma non disdegno a volte anche la versione piu' asciutta con le patate un po' disfatte e la cremina.
Un trucco in piu' per mantenere la forma delle patate che ho trovato su un sito e poi sperimentato e' aggiungere una mezza noce di burro insieme con le patate, che dovrebbe formare tipo una patina attorno ai pezzi mantenendone la forma squadrata.
Voci dal coro mi suggeriscono che le varianti del piatto contengono spesso anche piselli o funghi shiitake, o anche altri tipi di verdure che sperimentero' in futuro!!

Ittadakimasu!


martedì 11 settembre 2007

Sleveless Hoodie



O il mio primo maglioncino. Non mi e' venuto male vero? :D
mi piace tantissimo il cappello a punta da elfo!!!
L'ho fatto perche' ho trovato l'esatto colore della divisa scout, e non esistono maglioncini associativi leggeri cosi' di cotone, che per l'estate vanno benissimo. Il tempo quest'anno inclemente mi ha permesso di sfruttarlo appieno. Oh! Tutti ne vogliono uno!!! Fantastico!! Dovro' richiedere la specialita' di maglista :D

giovedì 6 settembre 2007

Rena cosplay - Higurashi no Naku Koro ni


Ecco.... Ho deciso il cosplay per Lucca. Il mio secondo cosplay serio....
Ce la farò in un mese? Speriamo.
E' un anime che mi ha tenuto sulla corda per tutto il tempo ... Rena specialmente e' il mio personaggio preferito.... Pucciosetta mblll ma inquietante.....
E poi gira con un machete insanguinato.... Si si :D
Ho gia' in mente tutto il necessario per il costume. Adesso arriva la parte piu' divertente: girare per mercatini e negozio a procurarsi gli stivali e l'occorrente per il machete, che dai miei progetti risulta inquietantemente *grande*. :PP

Stay tuned per gli aggiornamenti :)

Ok ok riprendero' anche a cucinare giapponese che e' un po' che non mi esercito..... ho anche imparato a fare l'okonomiyaki nel frattempo!! :D

L'estate sta finendo...



La lunga pausa estiva mi ci voleva. Ho trottato come un cavallo fino alle vacanze e comunque anche in ferie non mi sono molto riposata. D'altronde bruciarsi completamente il primo giorno di vazanze in Puglia non ha aiutato... E il campo di competenza quest'anno e' stato piu' massacrante del solito. Oh beh, e' stato strepitoso e sono successe moltissime cose, ma massacrante.
Insomma sono tornata in ufficio stanca, fisicamente ma carica come una molla, e l'insieme delle due cose non giova al mio stato di salute.
Sorvolando appunto sulla Puglia, bellissima, dove tornero' sicuramente anche se con chi dico io, il campo è stato un trampolino per tirarmi su dal torpore che mi aveva pervaso dalla fine degli esami di maturità.. A proposito, sono passata. Con 60. Ok, avrei potuto fare di piu'. Ma sono stati parecchio cattivi coi privatisti, l'altro che era con me non ce l'ha fatta. Menomale che e' finita, non sarei riuscita a passare un altro anno a lavorare e studiare la sera e nei weekend annullando ogni tipo di intrattenimento sociale. Non e' cambiato nulla nell'economia della mia vita: era una porta gia' chiusa da anni per me, la ricompensa maggiore è stata la reazione della mamma, che ignara di tutto quando si e' trovata davanti ai cartelloni dei voti, e' scoppiata a piangere. Volevo regalarle questa notizia in un momento buio come ora, spero ne faccia tesoro e si senta finalmente orgogliosa di me.

Al campo ho potuto liberare la fotografa frustrata che c'e' in me: ho sempre pensato di avere occhio con le inquadrature e infatti il mio buon lavoro di photoshop sistemava delle ottime foto a posteriori. Con una Eos 400D in mano ho invece scoperto di essere bravina anche in presa diretta. Oddio avevo degli ottimi soggetti a disposizione... La mia foto preferita è questa... Quando gliela stavo scattando ho sentito gli occhi di nicola dentro allo stomaco come un pugno. Le foto le devi sentire, ti cercano, non vengono da sole. Se fossi stata meno sensibile quel giorno probabilmente non avrei scattato questa foto.
Il filmato delle migliori foto del campo lo linkero' non appena sara' disponibile sul sito di costigiola..
Related Posts with Thumbnails